Un sogno chiamato Venezia tra calli e cicchetti!!

Venezia tra calli campi campielli e cicchetti!!

Venezia Piazza San Marco

Un sogno chiamato Venezia che ho aspettato fin troppo tempo a realizzare! Inutile elencarne gli svariati i motivi, l’importante è essermi tolta questa mancanza che da tempo mi dava proprio fastidio ed essere venuta a rendere omaggio a questo gioiello italiano.

Venezia_Basilica di San Marco_palazzo Ducale
Venezia_Basilica di San Marco_palazzo Ducale

…E solo ora che gli occhi si riempiono di tanta bellezza, riesco a capire le espressioni stranite della gente quando ammettevo di non esserci ancora stata… mi sono meravigliata per ogni ogni ponte, canale, callecampocampielloruga  … sottoportego!! Oltre ai monumenti più famosi che ovviamente lasciano a bocca aperta per la loro eleganza.

Arti di tutte le epoche si accavallano fino ad arrivare ai giorni nostri, dove la Biennale di Venezia (2017) apre i suoi salotti ad esposizioni ed installazioni sparpagliate anche per la città, amalgamandosi nello scenario più classico.

“Venezia non può essere paragonata che a sé stessa” (Goethe) 

Autumn in Venice
Autumn in Venice

Il mio pessimo senso dell’ orientamento ha rinunciato del tutto dopo poco, anche google maps si è confuso spesso tra una calle e un’altra; ampio spazio quindi ad intuizioni ed istinti per perdersi in questo dedalo con la perenne sensazione di girare intorno! 🙂

La magia dell’acqua mi cattura, mentre mi meraviglio della capacità dell’uomo di aver imparato a vivere con questo elemento ed averne realizzato un tale gioiello.

Fondego dei Tedeschi
Fondego dei Tedeschi

Per ammirare al meglio questo insieme di meraviglie con uno sguardo a 360° dai tetti alla laguna, assolutamente da non perdere è il panorama dalla terrazza del Fondaco dei Tedeschi (l’accesso è gratuito, la visita dura solo 15 minuti, per evitare una probabile coda nei giorni festivi,  consiglio di prenotare l’orario sul sito).

Un giro sul vaporetto è un’esperienza divertente e permette di ammirare i bellissimi palazzi che si affacciano sul Canal Grande. Dato il costo consiglio di farlo coincidere con una visita alla coloratissima isola di Burano. (24h €20, 1h €7,5)

Dormire: ringrazio tutti coloro che mi hanno suggerito di non lesinare e di pernottare sull’isola… a posteriori concordo pienamente. Uscire dall’ appartamento di prima mattina e vedere la città che si sveglia in una realtà che la mia immaginazione non aveva ben realizzato… e godersela ancora prima che i ritmi si alzino ed il Canal Grande si riempia di traffico, ne vale il prezzo. (AirBB in zona RialtoGuest House Rialto 3″, camere singole o condivise, cucina e bagno uso comune, bella terrazzina sui tetti di Venezia e gatti in dotazione).

Venezia_cicchetti
Venezia_cicchetti

Pasti: principalmente nei bacari, i tipici barrettini, a base di cicchetti misti (crostini con varie ricette, ma il must è con il baccalà mantecato) ed un bicchiere di vino ad accompagnare (vitigni locali, Sauvignon, Pinot Grigio o Bianco), economico e veloce, sempre che si trovi uno sgabello libero! Provati: Ca’ do Spade, Bancogiro, Ca’ do Mercà, Pescaria, Bacaro Risorto. Se volete regalarvi un ristorantino, Bacarandino ai Corazzieri e l’Osteria ai Storti, oppure una buona pizza da Bella&Brava (ingredienti bio e km.0).

Un sogno chiamato Venezia da vivere lentamente perdendosi e ritrovandosi, “A realized dream is now an unforgettable souvenir!”

Photo Gallery

Silvia Rossi
Nov. 1st, 2017
PS: #nograndinavi #supportvenice #respectvenice

23 pensieri riguardo “Un sogno chiamato Venezia tra calli e cicchetti!!”

  1. Nell’articolo e poetico! Amo Venezia e concordo con Goethe: non può che essere paragonata che solo a se stessa. Mi innervosisco quando dicono di città straniere “è la Venezia del nord o sud o altro”!

  2. Sono 15 anni che non vado a Venezia e non vedo l’ora di tornarci. Come l’hai descritta, è una città assolutamente unica.

  3. Il senso dell’orientamento non è importante, a Venezia è obbligatorio perdersi! ..e i bacari che hai provato sono davvero da intenditori 😉

  4. Venezia è sempre spettacolare. Mi manca l’esperienza di dormire lì, dato che ci vado sempre in giornata. Gli hotel sono carissimi ma credo proprio ne valga la pena.

  5. Abito a una sessantina di chilometri da Venezia. E’ una cittàcon un fascino unico. Ammetto che nonostante ci sia andata molte volte mi perdo ancora adesso nei suoi vicoli!! mi piacerebbe dormirci una notte, non lo mai fatto!

  6. Venezia è una città unica nel suo genere, bellissima. Peccato il turismo di massa la stia rovinando, e stia rendendo impossibile viverci (per la gente del posto) ed esplorarla nella sua naturalezza (per i visitatori). Il tuo post e le tue foto mi hanno comunque riportata lì! 🙂

  7. Sono stata a Venezia diverse volte ma mai sulla terrazza del Fondaco dei Tedeschi!!! Grazie mille per la dritta…mi sa che dovrò tornare….e…sì, la frase d’inizio è azzeccatissima…Venezia è unica…ed è qui nella nostra bella Italia!

  8. Venezia è stupenda e come hai scritto non paragonabile a nessuna! Noi ci siamo stati anni fa, ultimo viaggio senza bimbi, che dire.. romantico! E che buono il baccalà mantecato!

  9. Quando sono andata ero piccola, ma mi ricordo benissimo tutto. Sia le cose brutte (piccioni e puzza di laguna) che quelle belle, e fortunatamente di quest’ultima Venezia è piena. Ma non so se vorrò ritornarci, ricordarmelo come l’ho vista, con gli occhi di una bambina, credo sia una cosa speciale!

  10. Non c’è niente da fare, nel bene e nel male Venezia è… Venezia! Anch’io quando ci capito rimango sempre incantata, ha degli scorci, degli angoli che è difficile anche solo commentare.

  11. Io ci devo assolutamente tornare. Leggendo le tue parole ho notato che il mio ricordo di Venezia non è così bello a dire vero. Sarà stato il brutto tempo chissà. Ma vorrei davvero avere un bel ricordo di questa città apprezzata da tutti!

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.